come funziona un deumidificatore

Come funziona un deumidificatore

Ci sono centinaia di modelli diversi di deumidificatori per ambienti tra cui poter scegliere. Ho studiato quelli che penso siano alcuni dei migliori in vendita. Tutti differiscono per capacità, consumo di energia e caratteristiche, ma a prescindere quanto siano diversi, hanno tutti in comune la funzione che utilizza lo stesso principio di base.

Non ho intenzione di annoiarvi con una tonnellata di discorsi tecnici. Invece, il mio obiettivo con questa pagina sul mio sito web, è quello di spiegare come funzionano i deumidificatori, in modo che tu possa poter prendere una decisione informata su quale sarà il più adatto alle tue esigenze.

Umidità e Condensa

Nei caldi mesi estivi, il caldo è davvero in grado di creare disagi e problemi di salute. Tuttavia, non è solo a causa della temperatura dell’aria, ma anche l’umidità relativa svolge un ruolo deleterio. L’aria calda ha la capacità di raccogliere un po ‘ di umidità, e come si raffredda comincia a rilasciare l’umidità.

Ecco un esempio: hai mai preso in mano una bevanda fredda in una giornata calda? Naturalmente si! Avrai notato che le tue mani si sono bagnate, e questo è dovuto proprio alla formazione di condensa.

Come l’aria calda entra in contatto con una superficie fredda e comincia a raffreddarsi, così inizia a perdere la sua capacità di trattenere l’acqua. Quando il vapore si trasforma in liquido si verifica un fenomeno conosciuto con il nome di condensazione. I deumidificatori sfruttano proprio questo principio di base.

Quali tipi di deumidificatori esistono in commercio

Il più comune tra i tipi di deumidificatori è quello refrigerante. Esso può essere suddiviso nelle seguenti parti essenziali: una ventola, un compressore, delle serpentine di raffreddamento e il serbatoio dell’acqua. La ventola aspira l’aria nel deumidificatore. Il compressore (come indicato dal suo nome) espande e comprime il refrigerante che passa attraverso le bobine di raffreddamento attraverso il deumidificatore. Il pezzo finale del puzzle è il serbatoio dell’acqua, o tanica.

Ventilatore compressore a bobine. L’aria viene aspirata nel deumidificatore, passa sopra le bobine. Ora sarebbe un buon momento per ricordare l’esempio con la lattina di cui ti ho parlato prima, perché l’aria entra in contatto con le spire e comincia a raffreddare in modo che non possa più mantenere l’umidità, e si crea il processo di condensazione. L’acqua si raccoglie sulle bobine, e gocciola giù nel serbatoio che si trova di sotto. Dal momento che l’umidità in aria libera è fredda, deve essere riscaldata prima di essere introdotta nella stanza, e perciò la maggior parte dei deumidificatori hanno anche un riscaldatore. Dopo che l’aria è riscaldata viene rilasciata di nuovo in camera.

Eliminare l’Acqua in Eccesso

Quando si tratta di sbarazzarsi dell’acqua raccolta dal deumidificatore, si hanno diverse opzioni. I modelli più economici hanno solo un serbatoio di acqua che dovrete svuotare una volta pieno. La maggior parte dei deumidificatori hanno la possibilità di spegnersi automaticamente una volta che il serbatoio è pieno. I modelli più grandi e più costosi, permettono di collegare l’unità ad uno scarico che si sbarazza dell’acqua in continuazione. Con il continuo drenaggio è possibile lasciare che la gravità faccia il proprio lavoro, o prendere un deumidificatore con una pompa di condensa.

Umidostato

Non tutti i deumidificatori sono dotati di un umidostato, ma ho intenzione di spiegare cosa fa e come funziona dato che è una caratteristica molto piacevole. Esso può essere suddiviso in due parti fondamentali: un elemento di rilevamento, e un relè amplificatore.

Detto semplicemente, un elemento sensibile è costituito da due conduttori metallici. Un aumento o una diminuzione di umidità crea una resistenza elettrica tra questi due elementi. Questa resistenza viene prelevata dal relè amplificatore che decide se utilizzare o meno il segnale di unità per spegnere il compressore.

Deumidificatori Disseccanti

Disseccante e silica gel sono deumidificatori che funzionano in modo molto diverso. Hanno un materiale disseccante o gel di silice, che ha la capacità di catturare l’umidità. Non hanno un compressore, serbatoio o serpentine di raffreddamento, e l’aria non ha bisogno di essere riscaldata prima di essere reimmessa di nuovo nella stanza.

I deumidificatori disseccanti sono efficaci in ambienti di piccole dimensioni, come le cucine, bagni e ripostigli.